Studio di Sarah Wettstein, Matthias Stucki, Matthias Meier, Peter Schumacher, Jürg Buchli a nome dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM)

Oltre ai cibi di origine animale, il consumo di alcol e altri cibi di lusso contribuisce in modo significativo all'impatto ambientale della nutrizione. Nel 2014, con 35 litri pro capite e l'anno dopo la birra, il vino era la bevanda alcolica più consumata. La gestione dei vigneti è associata a un elevato consumo di risorse ed energia, nonché alle emissioni legate alla produzione nell'aria, nel suolo e nell'acqua. Le emissioni sono state ridotte con l'introduzione della produzione integrata (PI). La produzione biologica va oltre, vietando i pesticidi chimico-sintetici e aumentando la coltivazione di varietà resistenti ai funghi (PIWI).

Scopo del presente studio è utilizzare una valutazione del ciclo di vita per valutare l'impatto ambientale della produzione vinicola in Svizzera utilizzando i due sistemi di produzione citati e la coltivazione delle varietà PIWI e per evidenziare i più importanti fattori di influenza. Inoltre, è stata effettuata una valutazione della biodiversità per mostrare gli effetti dei diversi sistemi di produzione sulla biodiversità.

Leggi lo studio (PDF, 1,6 MB)

Ricerca