Fred Strasser

F. Strasser, Dipl Ing Agr ETHZ, insegnante di piante biologiche e M. Coray fredi-strasser@stammerberg.ch

Solo negli anni '80 la scienza e la pratica hanno riconosciuto l'importanza della resistenza per una coltivazione rispettosa dell'ambiente. Di conseguenza, l'allevamento incrociato e la coltivazione in aziende pionieristiche sono aumentate di nuovo con permessi speciali. L'elenco obbligatorio dei vitigni della Svizzera inizialmente impediva la coltivazione libera, che era stata legittimata solo nel 1995 abolendo tale elenco. Oggi l'obiettivo di creare il vigneto più naturale possibile utilizzando vitigni resistenti è aperto a tutti gli enologi svizzeri. Ciò è importante per i vigneti in cui i temporali e le formazioni di rugiada notturna fanno sì che la pressione di infezione della peronospora sia molto elevata e faccia brevi intervalli tra i trattamenti frequenti non solo necessari nella viticoltura biologica. Ciò consente un elevato contributo alla riduzione dell'inquinamento del suolo, dell'aria, dell'ambiente, della flora, della fauna, dei viticoltori e del clima.

Per continuare a leggere questo testo, devi essere un membro di PIWI International. Diventare membro
Registrieren

Ricerca