Autore: Jiri Sedlo

I membri dell'associazione "PIWI International" provenienti da Germania, Austria, Repubblica Ceca, Svizzera, Italia, Polonia e Paesi Bassi si sono incontrati a Neustadt an der Weinstrasse per l'assemblea generale annuale. La maggior parte di loro sono viticoltori che coltivano (a volte esclusivamente) vitigni PIWI.
Venerdì mattina si è tenuta una riunione del consiglio dell'organizzazione, seguita da una visita alla Freytag Rebschule, che è uno dei principali fornitori di questi vitigni resistenti, offrendo ai partecipanti una panoramica del loro lavoro e informazioni interessanti sull'allevamento e la propagazione ( Figura 1).
Figura 1: Volker Freytag (a sinistra) durante una presentazione nella sua fattoria

Ispezione di Volker Freytag

Il motto del pomeriggio al “Neustadt Wine Campus” dell'Università di Scienze Applicate di Ludwigshafen è stato “La scienza incontra la pratica”. Quattro conferenze specialistiche hanno evidenziato lo spettro dall'allevamento alla vendita del vino, ecco un breve riassunto:

- Ricerca sulla sostenibilità economica delle aziende e varietà PIWI: scoperte e prospettive sorprendenti (Prof. Dr. Marc Dressler, Weincampus Neustadt)

Una conferenza molto interessante con molti dati: più di otto anni fa, i viticoltori tedeschi hanno classificato le varietà PIWI al decimo posto in termini di contributo all'ecologia su vari criteri, ad esempio acqua, energia, gas serra, fertilizzazione, cura del suolo.. Si voleva meno compattazione del suolo e meno pesticidi, ma non le varietà PIWI. Oggi la situazione è diversa, in selezionati supermercati tedeschi i vini ottenuti dalle varietà PIWI sono venduti a prezzi compresi tra 5 e 9 €/0,75 l. Sul mercato tedesco, i vini ottenuti dalle varietà PIWI sono ora venduti a una media di 9,53 €/bottiglia (n = 1119), che corrisponde alla fascia di prezzo più comune da 5 a 8 € (oltre 40 %), seguita da un fascia da € 8 a € 10 (oltre 25 %). 78 % dei vini sono venduti come vino varietale, 12 % come cuvée PIWI e 10 % come PIWI + cuvée varietale classica.

Ciò si riflette nell'attuale interesse dei produttori di vino per le varietà PIWI. Solo 40 % degli agricoltori non sono interessati a coltivarli, 21 % hanno in programma di coltivarli e 39 % li stanno già piantando. Gli agricoltori biologici sono più interessati a loro. Delle aziende agricole che le stanno già coltivando, 60 % vogliono aumentare la loro superficie e solo 6 % vogliono ridurla (soprattutto quelle che coltivano solo la varietà Regent). Esiste un numero crescente di prodotti, produttori e varietà PIWI sul mercato.
Per le varietà Pinot bianco e Calardis bianco nelle aziende biologiche, è stato effettuato un confronto tra i costi per la protezione della vite e la resa dell'uva. Per Pinot bianco e Calardis bianco, i costi medi di protezione sono stati rispettivamente di 944 €/ha e 435 €/ha, mentre la resa in uva per CB è stata 2,7 volte superiore.

– Protezione ridotta dei vitigni PIWI (Prof. Dr. Jochen Bogs, Weincampus Neustadt)

La presentazione si è concentrata sui meccanismi molecolari di resistenza e ha spiegato quali geni sono responsabili della resistenza alla peronospora e all'oidio della vite. Il Prof. Bogs ha sottolineato che ci sono anche differenze nella resistenza delle diverse varietà PIWI, ad esempio Regent ha un locus di resistenza, Sauvignac ne ha due, mentre Müller Thurgau non ne ha nessuno. Ciò si riflette poi nella resilienza delle viti. È importante anche la rapidità con cui la pianta riconosce l'attacco del patogeno; questo utilizza diversi tipi e numeri di recettori all'interno di ciascun locus di resistenza, in modo che la resistenza non sia determinata esclusivamente dal numero di loci di resistenza.
Il numero effettivo di trattamenti con una particolare varietà di PIWI dipende dalla pressione dell'infezione. Nella prova del 2021, un anno di altissima pressione della muffa in Germania, le varietà PIWI testate hanno avuto bisogno di 0-4 trattamenti, mentre le varietà convenzionali hanno avuto bisogno di 14 trattamenti per ottenere lo stesso risultato. L'oratore ha sottolineato che la completa rinuncia alla protezione per le varietà PIWI porta a una perdita di resistenza e quindi non ha senso nella pratica.

- Trasferimento di conoscenze sulle varietà PIWI nell'ambito della settimana del progetto scolastico "Viticoltura sostenibile" (Karin Franzen, Istituto per la viticoltura e l'enologia, DLR Rheinpfalz)

La signora Franzen ha presentato il progetto educativo per gli studenti DLR, che è un progetto di follow-up del progetto VITIFIT e ha lo scopo di preparare le giovani generazioni alla viticoltura sostenibile.

– Stilistica delle varietà di vino PIWI: preferenze dei consumatori e degli esperti, inclusa una degustazione comparativa (Prof. Dr. Ulrich Fischer et al., DLR Institute for Viticulture and Enology Rheinpfalz)

Nell'ambito del programma VITIFIT si effettuano studi sui consumatori, si esaminano i metodi di vinificazione più adatti, si descrive dettagliatamente il vino e si analizzano le sostanze aromatiche selezionate. In una lezione pratica, il Prof. Fischer si è concentrato sulla descrizione e il confronto dei diversi metodi di vinificazione delle varietà PIWI i cui campioni sono stati degustati. Il Calardis blanc, ad esempio, è stato trasformato in uno spumante simile al Pinot Bianco o al Riesling con una resa di 19 t/ha. Il Cabernet blanc, invece, ha reso 20 t/ha nel 2021 e 14 t/ha nei due anni precedenti, con il contenuto zuccherino medio in questi tre anni compreso tra 85-100 gradi Oe".
I consumatori valutano i vini ottenuti da varietà PIWI allo stesso modo dei vini ottenuti da varietà tradizionali, cioè in degustazioni chiuse. I consumatori tedeschi preferiscono anche il fruttato, la dolcezza, il corpo, i frutti tropicali e gli aromi floreali delle varietà PIWI. Inoltre, sono stati presentati tre campioni di Laurot diversamente vinificati. Il Prof. Fischer (Figura 2) ha concluso che il potenziale delle varietà PIWI in termini di cambiamenti necessari verso una maggiore sostenibilità è enorme. E non devi più nasconderti dal confrontare il gusto dei vini PIWI con le varietà tradizionali.
Fig. 2: Prof. Dott. Ulrich Fischer durante la sua conferenza

conferenza dott pescatore

All'assemblea generale annuale di sabato (Figura 3), che si è svolta anche online, il presidente Alexander Morandell (I) ha riferito sulle numerose attività dell'associazione nell'ultimo anno; il consiglio stesso si è riunito 14 volte online e una volta fisicamente, tradizionalmente a Prien (D). Tra le attività più importanti dell'associazione, il nuovo format del PIWI International Wine Challenge e la stesura del nuovo statuto dell'organizzazione. Ciò dovrebbe consentire a PIWI International di fungere da organizzazione ombrello per le associazioni nazionali.
Fig. 3: Alcuni dei partecipanti all'Assemblea Generale del 12 novembre 2022

Ascoltatori nel campus del vino

L'assemblea generale annuale ha confermato gli attuali membri del consiglio nelle loro posizioni all'elezione. Solo l'ex presidente Josef Engelhart (D) si è dimesso dal consiglio di amministrazione su sua richiesta dopo diversi mandati. L'attuale presidente Alexander Morandell lo ha ringraziato per i suoi molti anni di servizio a PIWI International. Rimane disponibile per consigli nella sua specialità, la coltivazione dei vitigni PIWI. Il suo posto in questo corpo è stato preso da Heinrich Leutenberger (D), che ha assunto la carica di verbalizzante. Il sindaco Edwin Locher è stato confermato in carica e Ulrich Frizlen è stato eletto secondo sindaco all'unanimità.
Ne è seguito un vivace dibattito sull'uso del logo PIWI International, che dovrebbe essere rafforzato come marchio e utilizzato anche più frequentemente dai membri:

Logo PIWI 140

A seguito dell'Assemblea, il dott. Oliver Trapp presenta la teoria e la pratica delle varietà PIWI che sono state ibridate presso il Julius Kühn Institute (JKI) di Geilweilerhof negli ultimi decenni (Figura 4).
Figura 4: Dott Oliver Trapp della JKI tiene una conferenza

Microvinificazione Oliver Trapp

L'interessante intervento sull'ibridazione di resistenza nella vite comprendeva anche un'interessante introduzione generale in cui ha fornito alcuni dati:
La viticoltura tedesca non opera nemmeno sull'intero 1 % di terreno agricolo, ma consuma 30 % dei fungicidi utilizzati in agricoltura. Ciò significa che devono essere coltivate viti più resistenti. Nuove varietà sono necessarie anche in vista del cambiamento climatico. In Germania, tra il 1990 e il 2019 ci sono stati 28 anni con temperature sopra la media (rispetto alla media 1961-1990) e solo 2 anni con temperature leggermente sotto la media (1996 e 2010). Ciò porta a un inizio anticipato di ogni fenofase, seguito da danni da gelo primaverile e colpi di sole. Diminuisce anche l'acidità dei vini delle varietà tradizionali.
In Germania, 36 varietà PIWI sono attualmente iscritte nel registro delle varietà e altre 40 varietà PIWI sono autorizzate per la coltivazione. In totale (2021) sono coltivati su 3 283 ha, che corrispondono a circa 3 % della superficie vitata. L'aumento annuale delle varietà PIWI non è molto dinamico, ma le vecchie varietà PIWI vengono sostituite da nuove. Regent, ad esempio, occupava 2.100 ha nel 2005 e solo 1.600 ha nel 2021. Le piantine delle varietà PIWI non sono più disponibili in Germania per la semina nel 2023.
Negli ultimi anni, il JKI ha collaborato con l'INRAe Colmar. Questa cooperazione ha portato a nuove varietà con maggiore resistenza (Artaban e Vidoc) per la Francia meridionale, che ora vengono testate per la loro idoneità per la Germania.
Dopo la seconda metà della conferenza si è svolta una degustazione guidata delle varietà PIWI allevate al Geilweilerhof. Le varietà PIWI Villaris, Felicia, Calardis blanc, Calardis Musqué, Calandro ei promettenti incroci Gf.2010-011-0048 e Gf.2004-043-0010 sono stati presentati e descritti uno dopo l'altro.

Dopo cena c'è stata l'opportunità di consegnare i diplomi ai vincitori del Concorso Enologico Internazionale PIWI e di degustare alcuni ottimi vini. I produttori vincitori e tutti i risultati sono elencati sul sito web
https://piwi-international.de/piwi-international-wine-challenge-2022/.

La domenica mattina l'evento si è concluso con la visita al Azienda vinicola Mohr-Gutting a Neustadt-Duttweiler (figura 5). Qui i partecipanti sono stati presentati a un'azienda vinicola biologica che da anni lavora con varietà PIWI.

Figura 5: Presentazione del proprietario presso la cantina Mohr-Gutting a Neustadt-Duttweiler

Azienda vinicola Mohr-Gutting

Oggi, PIWI International è una forte rete internazionale che non è rappresentata solo nei tradizionali paesi vitivinicoli europei, ma si sta espandendo anche in Danimarca, Inghilterra, Svezia e persino Norvegia, oltre che negli Stati Uniti e in Canada.

A cura di Jiří Sedlo, foto PIWI International Archive

Ultime notizie