News

News2020-07-06T09: 53: 04 + 02: 00

Il Paese ha bisogno di nuovi vitigni...

Fonte: Tagesschau - MITTENDRIN - viticoltura e cambiamento climatico

Stato: 22/09/2022 16:30

Lunghi periodi di siccità, caldo estremo e forti piogge: il cambiamento climatico e le sue conseguenze pongono grandi sfide per i viticoltori del Rheingau. In particolare i vitigni tradizionali stanno soffrendo il clima estremo.

Di Jakob Schaumann, HR

….

Salva il Riesling dall'estinzione

Dal 2014 la Geisenheim University of Applied Sciences ricerca come potrebbe essere il futuro della viticoltura con un progetto unico al mondo. Con l'esperimento FACE, i ricercatori si avventurano nel futuro atmosferico. La concentrazione di CO2 prevista per il 2050 è simulata mediante l'aggiunta mirata di circa il 20% di anidride carbonica.

Vengono esaminate due varietà: il Cabernet Sauvignon, più familiare nei climi più caldi, e il Riesling, tipico del Rheingau. "Certo che ci interessa come sarà il vino nel 2050, ma soprattutto: come reagirà la pianta?", afferma Hans Reiner Schultz, presidente dell'università. Si tratta del consumo di acqua e della struttura del frutto, perché più un frutto è compatto, più è suscettibile di marcire.

È già evidente oggi che questo potrebbe diventare un problema per il Riesling. L'aumento della concentrazione di CO2 porta a una maggiore fotosintesi e a una crescita più forte delle bacche; questo rende le viti di Riesling più compatte e quindi più soggette alla formazione di muffe. Per garantire che il Riesling non si estingue nel Rheingau, l'Università alleva viti di Riesling che possono affrontare meglio i cambiamenti climatici e hanno una crescita complessiva degli acini più sciolta.

23 settembre 2022|

Pesticidi - uso sostenibile (norme UE aggiornate)

Le norme dell'UE sull'uso sostenibile dei pesticidi mirano a proteggere la salute umana e l'ambiente dai potenziali rischi ed effetti dei pesticidi.

I regolamenti incoraggiano la riduzione dei pesticidi da parte di

  • protezione integrata delle colture
  • Alternative ai pesticidi chimici.

Questa iniziativa sta esaminando la misura in cui questi obiettivi sono stati raggiunti e come l'uso di pesticidi può essere ulteriormente ridotto al fine di raggiungere gli obiettivi della strategia Farm to Fork e del Green Deal europeo.

PIWI International non fa riferimento alle varietà resistenti in questo regolamento!

“La proposta di regolamento sull'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari si concentra troppo sulla gestione integrata dei parassiti e non coglie il punto: investire e promuovere resistenza delle cultivar.

Molte colture agricole hanno già cultivar con un livello di resistenza più elevato geneticamente codificato classico incrocio interspecifico è stato acquisito. Queste nuove varietà hanno resistenze naturali e sono quindi meno suscettibili alle malattie, richiedendo quindi trattamenti molto meno rispetto ai vitigni tradizionali e quando si utilizzano prodotti meno aggressivi. Ciò riduce anche l'impronta di carbonio, non solo il carico chimico.
La diffusione e la promozione di queste nuove varietà, soprattutto in viticoltura, dove ci sono già abbastanza esperienze positive in tutta Europa, dovrebbe essere la direzione principale per l'agricoltura, insieme alla sostituzione di sostanze chimiche aggressive.

Nel caso della vite, ad esempio, circa 100 varietà di questo tipo sono già registrate negli elenchi delle varietà pertinenti negli Stati membri dell'UE e altre se ne aggiungono continuamente. Decine di loro sono approvati per la produzione di vini di eccellenza (DOP e anche DOC) in alcuni paesi come Germania, Austria, Repubblica Ceca, Svizzera, Italia e Francia e hanno vinto importanti premi in concorsi enologici internazionali. In generale, quindi, il maggiore potenziale di riduzione dell'uso di pesticidi risiede nel valore biologico delle varietà, che non è contemplato nella proposta di regolamento.

18 settembre 2022|

Rapporto di vendemmia dalla Svezia: fioritura tardiva – vendemmia tardiva

The spring was late and cold, which means a later harvest and slightly less fruit. But the quality of the Swedish grapes is reported to be good.

The Swedish winegrowers are preparing for harvest. As in the rest of Europe, the summer was hot and dry (but without an extreme heatwave). However, a cold May and thus flowering means that the harvest takes place slightly later compared to last year, plus there will be a few fewer grapes.

At Kullabergs Vingård in southwestern Sweden, their harvest of PIWI is expected to begin in October.

– The cool and late flowering means that we have a slightly smaller amount of fruit this year. But the summer was hot and dry so it looks good, says winemaker K Felix G Åhrberg, who came to Kullaberg in 2017 after working abroad. He is a trained oenologist at Klosterneuburg in Austria.

Kullaberg grows six primary varieties – Solaris, Souvignier Gris, Muscaris, Donauriesling, Pinot Nova and Cabernet Noir – but also has experimental cultivation with around 20 varieties to see what works. Until now, the focus has been on the Swedish „national grape“ Solaris, but K Felix G Åhrberg strongly believes in the new PIWI generation of blue varieties.

– In my opinion, Rondo and Regent give a bit of foxy flavor – it’s kind of like running Windows 95 on your computer. Pinot Nova and Cabernet Noir I like a lot, he says.

Pinot Nova (Blauer Burgunder x Malverina) is related to Pinot Noir and comes from Austria; Cabernet Noir is an offspring of Cabernet Sauvignon and was cultivated by Valentin Blatter in Switzerland in 1991.

Kullaberg is Sweden’s largest investment winery with a total of 14 hectares. The soil is mostly sand-mixed clay with one of the country’s oldest rock types, the pink-toned diabase Kullait. The location right by the sea is also favorable:

– We are surrounded by three seas, Öresund, Skälderviken and Kattegatt. This means that we have a mild climate with a long growing season.

A new circular winery built of wood will be inaugurated at the end of October.

– We have solar cells and our own water which we reuse. It’s 2.000 square meters and the capacity will be 100,000 bottles. Last year we made 32,000.

Just outside Malmö in the south you’ll find Vingården i Klagshamn, founded in 2001 and one of the pioneers in Swedish viticulture. Murat Sofrakis and Lena Jörgensen have 1.8 hectares, 80 percent Solaris.

– For our part, it was a cold spring with a late flowering at the end of June, and beginning of July. When summer came, it became dry – the plants were stressed, so now we are a little behind compared to previous years. We usually harvest in mid-September but are still waiting to get started.

Lena Jörgensen confirms the increased interest in Swedish wine.

– Absolutely. There is greater demand and we sell out. We accept pre-booked groups and this year we have been full. It’s a new category of people coming now, wine geeks with a solid interest.

Photos:

• The new cellar at Kullabergs Vingård, with steel tanks from Ledinegg, Austria.

• Murat Sofrakis and Lena Jörgensen, Vingården i Klagshamn.

15 settembre 2022|

PIWI Food Summit a Vienna – Concorso enologico austriaco PIWI "Varietà di uva nuove/innovative"

Vincitore del premio PIWI-AT 2022-piccolo

Il 6 settembre si è svolto il PIWI Food Summit nel rustico cortile interno del Palais Schönborn (Museo del folclore di Vienna). Dodici categorie al concorso vinicolo PIWI di quest'anno significano dodici vini vincitori di dodici aziende. Hanno presentato la loro gamma di vini PIWI e i certificati e i trofei sono stati consegnati dal presidente di PIWI Austria Wolfgang Renner e dal presidente di PIWI International Alexander Morandell. L'altissima qualità dei migliori vini PIWI austriaci è stata in grado di ispirare i numerosi ospiti intervenuti.
PS: La "famiglia PIWI" è orgogliosa delle sue aziende vincitrici!

14 settembre 2022|

Approvazione di una nuova denominazione protetta nei Paesi Bassi

Nella Gazzetta Ufficiale della UE C 315 del 19 agosto 2022, la notifica CE 2022/C 315/06 sulla denominazione di origine protetta (DOP) "Rivierenland" per vino, spumante di qualità, vino frizzante e vino da essiccato uva è stata pubblicata.

A seconda del tipo di prodotto, la gradazione alcolica minima è compresa tra 5 % e 12 % vol. A seconda della varietà, la resa massima per ettaro è di 40-60 ettolitri. Le varietà sono esclusivamente PIWI, di cui sono 14 in totale, la maggior parte delle quali provengono dalla Germania e 4 dalla Svizzera. Le varietà bianche PIWI sono Cabernet blanc, Johanniter, Merzling, Muscaris, Sauvignac, Solaris, Souvignier gris e Villaris. Le varietà blu PIWI sono Cabaret noir, Cabernet Cantor, Cabernet Cortis, Monarch, Pinotin e Regent.

Gazzetta Ufficiale della UE C 315 del 19 agosto 2022; Jiří Sedlo

11 settembre 2022|

Viticoltura svedese con PIWI

In just over 20 years, Swedish viticulture has gone from being a hobby to a commercially recognized player with wines that win international prizes and reputation – thanks to the hardy PIWI grapes.

Sweden has around 50 commercial vineyards and nearly 200 hectare under vines. The main grape is Solaris – roughly 80% – followed by Rondo; both established PIWI varieties.

PIWI is a long-term sustainable solution not only for Sweden; even in established wine countries, they realize that climate change requires new ideas and an open mind.
The association PIWI International, founded in 1999 – incidentally, the same year that Sweden became an official wine country according to the EU – is a platform for the exchange of experience and discussions, which with joint forces and strength can market these wines. For Sweden, viticulture has become an experienced industry and business of the future that can create jobs in the countryside.
The PIWI International Wine Challenge has become an internationally recognized competition, where Swedish wines are starting to take off. We are now launching a local chapter for Sweden to promote our wines on a larger scale, and collaborate on home ground.
3 settembre 2022|

piwi-boerse.de – il modo più veloce per nuovi vitigni!

L'attuale dibattito sulla sostenibilità ha dato nuovo slancio all'argomento PIWI e ha aumentato la domanda di nuove varietà.
DLR-Rheinpfalz, insieme all'Associazione dei viticoltori tedeschi e PIWI Germania, ha sviluppato la piattaforma "piwi-boerse.de" come esperimento in modo che tu, come viticoltore, possa acquisire rapidamente e facilmente la tua esperienza nella coltivazione di nuovi vitigni ( PIWI).

Con lo scambio si ha la possibilità di acquistare (o vendere) piccole quantità di uva da vino o mosto di nuovi vitigni e di provare e sperimentare la vinificazione.

Il Scambio PIWI inizialmente è previsto per un anno.

Contatto:
DLR Rheinpfalz
dott Charlotte Hardt
Charlotte.Hardt@dlr.rlp.de

1 settembre 2022|

PIWI, pecore e clima alpino

In Alto Adige i viticoltori si affidano a varietà resistenti e hanno successo

 

In  pianta sempre di più   Su. Anche le grandi cantine non sono più risparmiate dal trend. A proposito delle esperienze  e il  del  riferisce Roland Brunner.

"Il  del futuro".  le sue crescite esclusivamente da  essere premuto. Il futuro iniziò a Hof Gandberg 30 anni fa, quando suo padre Rudolf decise di farlo con costanza  lavorare e con la piantumazione di  evitare spruzzature di qualsiasi tipo. In agricoltura biologica, in  - soprattutto negli ultimi dieci anni - molto è stato fatto. Nella produzione dei vini Piwi, la  anche se nel complesso ancora prudente.

Il pioniere di Piwi Rudolf Niedermayr e suo figlio Thomas

…leggi di più su wein.plus

22 agosto 2022|

1a conferenza internazionale SABB2022 a Gent, Belgio

La prima edizione della conferenza internazionale sui biostimolanti e biopesticidi dell'agricoltura sostenibile si svolgerà a Gand, in Belgio, da martedì 20th Settembre fino al 22nd settembre 2022.

Il convegno si propone di riunire accademiciindustriaesperti di regolamentazione, e decisori politici con un interesse in biostimolanti vegetali e biopesticidi. La conferenza si concentrerà sullo stato dell'arte della ricerca sui biostimolanti non microbici e sui biopesticidi. I temi principali della conferenza sono il romanzo biostimolanti Altro biopesticidi, progresso nel modo di agireingredienti bioattivipianifica lo stressrisposta immunitaria. Un seminario il 22nd di settembre darà un forum per discutere l'attuazione, le questioni sociali e la politica agricola in merito ai biostimolanti e ai biopesticidi. il 22nd Ci sarà l'opportunità di visitare una struttura di ricerca in serra sul tetto di 6000 metri quadrati o la struttura di ricerca Gembloux Agro-Bio Tech.

leggi di più

15 agosto 2022|

La viticoltura ha bisogno di nuovi vitigni resistenti ai funghi e allo stress per poter sfidare i cambiamenti climatici

Comunicato stampa Istituto Julius Kühn numero 13 del 12 agosto 2022csm_PI2022-4_Bild3_LogoGBG2022-RGB_7648ab27c8

Vignaioli e genetisti di 23 paesi si sono scambiati idee al XIII. Simposio GBG nel Palatinato.

(Siebeldingen) L'Istituto per l'allevamento della vite dell'Istituto Julius Kühn (JKI), situato al Geilweilerhof nel Palatinato, ha avuto l'onore di ospitare quest'estate (2022) il simposio internazionale sull'allevamento della vite e la genetica. Il "XIII. Simposio per l'allevamento della vite e la genetica" si è svolto dalle 10.-15. Luglio nella sala delle feste Art Nouveau a Landau. 180 scienziati provenienti da 23 paesi in Europa e oltreoceano si sono riuniti per presentare e discutere i risultati della ricerca attuale. L'evento si svolge ogni quattro anni in diverse località del mondo. Il prossimo paese ospitante dopo la Germania è la Croazia nel 2026. La serie di eventi è stata lanciata quasi mezzo secolo fa dai viticoltori del Geilweilerhof di Siebeldingen, che dal 2008 fanno parte dell'Istituto Julius Kühn.

(altro…)

12 agosto 2022|

Concorso PIWI in Austria: Vitigni nuovi/innovativi

Vini di tutti e nove gli stati federali

Graz, luglio 2022
Alla sua quarta edizione, il concorso enologico austriaco PIWI "Vatiti di uva nuovi / innovativi" ha portato ancora una volta un aumento del numero di aziende partecipanti e vini registrati. Per la prima volta, una giuria internazionale di alto livello è stata in grado di valutare i vini PIWI di tutti e nove gli stati federali austriaci.

L'associazione senza scopo di lucro "PIWI Austria" ha organizzato per la quarta volta il concorso enologico "Nuovi vitigni innovativi" per i vini austriaci ottenuti da vitigni resistenti ai funghi. Alla degustazione della giuria del 21 luglio si sono iscritti 209 vini di 92 aziende diverse! Dal Lago di Costanza al Lago di Neusiedl erano rappresentati i vini di tutte le province austriache. La più grande competizione vinicola nazionale PIWI si è nel frattempo affermata come punto fermo dell'annata.

(altro…)

27 luglio 2022|

Approvazione nuove varietà PIWI in Palatinato

Nella Gazzetta ufficiale dell'UE C 272 del 15 luglio 2022 è stata pubblicata la notifica CE 2022/C 2272/05 sulle nuove varietà approvate per vino di qualità e vino con un predicato nella regione viticola del Palatinato. La resa massima per ettaro è fissata a 105 ettolitri. Delle oltre 30 nuove varietà, quasi la metà appartiene a varietà PIWI. Le varietà bianche PIWI sono Bronner, Cabernet blanc, Hibernal, Muscaris, Sauvitage, Souvignier gris e Villaris. Le varietà blu PIWI sono Baron, Cabernet Cantor, Cabertin, Calandro, Pinotin, Piroso e Reberger. Oltre alle varietà tedesche, ci sono anche alcune varietà svizzere.

In precedenza era già possibile scegliere tra due dozzine di varietà PIWI come Johanniter, Juwel, Orion, Phoenix, Prinzipal, Saphira, Sirius, Solaris, Staufer, Accent, Allegro, Bolero, Cabernet Carbon, Cabernet Carol, Cabernet Cortis, Prior, Regent e Rondo, cioè esclusivamente dalla Germania, per aggiudicarsi il vino a Denominazione di Origine Geografica (DOP).

Gazzetta ufficiale dell'UE C 272 del 15 luglio 2022, Jiří Sedlo

 

26 luglio 2022|
Vai all'inizio