News

News2020-07-06T09: 53: 04 + 02: 00

Riunione strategica del consiglio di PIWI International a Prien am Chiemsee

Board Prien
Prien, Germania, Hotel Luitpold am See

Dieci uomini e donne si incontrano durante un lungo weekend per riprendere gli anni di intenso lavoro al PIWI International, ma anche nei gruppi regionali, e convertirlo in un documento di strategia.

Sono giornate lunghe, con scambi intensi e discussioni talvolta controverse, spinte da emozioni e dettate da bisogni anche regionali. Si lavora, si formula o si definisce punto per punto.

PIWI apre una dimensione completamente nuova nello sviluppo viticolo e nella produzione dell'uva.
Dove dovremmo svilupparci?
Come definisci internazionale e come regionale?
Come comunica PIWI a livello internazionale con i suoi membri, con i suoi gruppi? Fuori, ma soprattutto dentro?
Come trattiamo logo, marchio, definizioni, formulazioni?
Come ci sentiamo riguardo ai nuovi metodi di allevamento?
Come vediamo la viticoltura del futuro?
Come misuriamo e comunichiamo la regionalità, la neutralità di CO2, la naturalezza?

Interessanti domande a cui non sarebbe stato possibile rispondere o sviluppare così ampiamente se l'intero consiglio con la nostra segretaria Gisela.Wüstinger e il nostro membro Michael Reiter del Palatinato (formulazione del documento di strategia e moderazione dell'esame) non avesse già svolto un'ampia preparazione lavoro.
Nei prossimi giorni provvederemo alla redazione del documento strategico e lo inoltreremo ai gruppi regionali.

Un sentito “grazie” a tutti i soggetti coinvolti ea tutte le anime laboriose e intraprendenti delle regioni e dei paesi.
Attendo con impazienza gli sviluppi nel 2022 e i risultati condivisi.

Rimani in salute
il tuo presidente
Alexander Morandell

6 marzo 2022|

La Norvegia vuole i vini PIWI dall'Austria

24 febbraio 2022 – Il monopolio norvegese dell'alcol aggiunge alla sua gamma il vino austriaco ottenuto da vitigni resistenti ai funghi (PIWI). Il gratificante sviluppo che questi vini hanno avuto in Austria negli ultimi anni sta ricevendo così ulteriore slancio. I vini PIWI austriaci convincono anche con le migliori valutazioni ai premi internazionali del vino.

Il monopolio norvegese dell'alcol Vinmonopolet ha recentemente aperto una propria gara per i vini PIWI dall'Austria. Una gara d'appalto è una quota di importazione separata nel mercato norvegese dell'alcol, che è rigorosamente regolato dallo stato. Fino alla fine di marzo, i produttori di vino austriaci possono ora inviare a Vinmonopolet i loro vini PIWI a base di Cabernet Blanc, Donauriesling o Donauveltliner dell'annata 2021. I vini selezionati saranno in vendita da settembre.

Continua a leggere

Fonte: AUSTRIA WINE MARKETING GMBH

1 marzo 2022|

I PIWI scuotono i social network

I vini PIWI stanno diventando sempre più popolari e sempre più amici del buon divertimento sostenibile sono alla ricerca di modi per conoscere i vitigni e i vini PIWI. Ma dove posso ottenere quali informazioni? Dove posso scoprire le novità?
Il primo passo per farlo è sicuramente optare per il Newsletter Iscriviti da PIWI International e il secondo è sui nostri canali Facebook, Instagram & Twitter da seguire!
MA
... ovviamente, qui puoi trovare solo una piccola selezione dei punti salienti.

Non sarebbe un peccato se ti fossi perso tutte le eccitanti promozioni e informazioni dai nostri membri dedicati?

(altro…)

1 marzo 2022|

L'AREV accoglie con favore l'accettazione da parte del Parlamento europeo degli emendamenti alla relazione BECA.

L'AREV accoglie con favore l'adozione da parte del Parlamento europeo degli emendamenti al rapporto BECA che tutelano la cultura vinicola europea

  1. Febbraio 2022

Dopo che la commissione speciale sul cancro lo scorso dicembre ha adottato il cosiddetto rapporto BECA, che potrebbe essere stato interpretato erroneamente, il presidente dell'AREV Emiliano García-Page Sánchez si compiace del fatto che il Parlamento europeo si sia rifiutato di "criminalizzare" il vino, poiché ha votato gli emendamenti necessario per salvare il settore vitivinicolo europeo nella sessione plenaria di ieri sera del Parlamento europeo.
(altro…)

22 febbraio 2022|

Il vitigno "Voltis" è stato approvato per la produzione di Champagne AOC.

L'Institut National de l'Origine et de la Qualité (Inao) ha confermato la domanda di approvazione del vitigno resistente Volits per la produzione di Champagne AOC. Questa nuova razza è il primo vitigno resistente ad essere incluso in una denominazione francese.
“Voltis è una delle risposte all'importante questione della convivenza tra residenti e produttori. Si tratta soprattutto di sviluppare pratiche e consumi nello spirito della sostenibilità”, spiega Maxime Toubart, co-presidente del Comité Interprofessionnel du Vin de Champagne (Civc) e presidente del Syndicat Général des Vignerons (SGV).
(altro…)

21 febbraio 2022|

Dare forma al cambiamento sostenibile nell'industria del vino – 64° Congresso Internazionale DWV ad aprile

“Vorremmo discutere in dettaglio con l'industria gli aspetti e le misure per una produzione e una commercializzazione sostenibili in viticoltura. L'argomento è di grande attualità per il nostro settore: non solo gli effetti dei cambiamenti climatici e le condizioni meteorologiche estreme che ne derivano come forti piogge, periodi di siccità o gelate tardive, ma anche la domanda di riduzione dei pesticidi o la diminuzione delle risorse attirano l'attenzione sul tema della sostenibilità. Anche le discussioni in corso nella politica e nella società sulla promozione della produzione biologica o sui cambiamenti nel marketing ci richiedono di affrontare questo tema del cambiamento e della sostenibilità. Naturalmente, oltre agli aspetti ecologici, non vanno dimenticati gli aspetti economici e sociali!”, afferma il segretario generale della DWV Christian Schwörer.

Il congresso si terrà in modalità digitale dall'11 al 13 aprile.

Le iscrizioni dovrebbero essere disponibili da marzo sulla homepage del congresso all'indirizzo www.dwv-kongress.de possibile.

Estratto dal programma del 04/11/22

Accettazione della coltivazione: allevamento da una prospettiva tedesca
Prof. Dott. Reinhard Toepfer, Istituto Julius Kühn

Profili dei vini dei vitigni PiWi: esperienze dal punto di vista di un'azienda vinicola internazionale
Ing. Roelof J. Visscher, Neerlandswijnmakerij, Bentelo, Paesi Bassi

Accettazione da parte dei consumatori dei vitigni PIWI
Prof. Dott. Gergely Szolnoki, Hochschule Geisenim University

Zero Infinito - la sostenibilità dalla vigna alla bottiglia - un successo internazionale
Mario Pojer, Faedo (TN), Italia

21 febbraio 2022|

IN UN'ODISSEA CON SOLARIS – I vini PIWI in Svezia

 

Nella mia nuova regione d'origine stanno accadendo cose eccitanti. Ad esempio, sono stato recentemente invitato all'azienda vinicola Kullaberg. Guidati da Mikael Mölstad, io e alcuni ospiti interessati abbiamo fatto una passeggiata attraverso l'uva Solaris.

Solaris è una Vitis vinifera verde e può essere definita un ibrido a causa dei suoi molteplici genitori. Il genere comprende l'antica uva Saperavi - che possiamo trovare in Georgia, tra gli altri luoghi. Oltre a Merzeling, GM 6493 e Muscat Ottonel. È una cosiddetta uva PiWI. Maggiori informazioni sul nome tedesco PIWI o "vitigni a fungo" troverai qui . Le uve PIWI in generale e Solaris in particolare sono rustiche, ma hanno anche caratteristiche come l'elevata resistenza all'attacco dei funghi, che le rendono adatte al clima leggermente più fresco e umido del nostro paese.
(altro…)

16 febbraio 2022|

69a Conferenza invernale del Forum ecosociale austriaco – Conferenza sull'industria del vino il 2 febbraio 2022

La 69a Conferenza Invernale dell'Ecosocial Forum si svolgerà dal 27 gennaio al 3 febbraio 2022. Con il tema generale di quest'anno "Il futuro grazie all'origine? Nel campo della tensione tra mercati globali e offerta regionale”, si apre un ampio campo di discussione.

Il 2 febbraio 2022 si svolgerà la giornata specialistica del settore vitivinicolo. Oltre a un webinar dal vivo sul tema "La classificazione dei luoghi - l'importanza dell'origine per l'industria del vino", la mediateca contiene numerosi contributi sui due blocchi tematici "Risorse nel settore del vino - quali sfide devono essere affrontate a livello regionale?" e "Il futuro della viticoltura? - Verifica pratica vini Piwi" disponibile per una visualizzazione flessibile.

leggi di più e registrati

maggiori informazioni di seguito oekosozial.at

28 gennaio 2022|

PIWI – un'idea il cui momento è arrivato?

Hybrid grapes used to be treated with disdain by the wine industry. Now German enthusiasm for new varieties of resistant varieties European moves against chemical treatments are helping to support their cause

PIWI wines now have their own competition

PIWI wines now have their own competition

Outside Germany, the acronym PIWI – short for Pilzwiderstandsfähig: German for ‘fungal-resistant’ is not very widely known. Effectively describing what used to be known as hybrids, it describes crossings between Vitis vinifera and other strains of Vitis that have been specifically developed – mostly in Germany and Switzerland – to need fewer treatments and potentially provide higher and more reliable yields.

Quelle: Meiningers Wine Business

read more

28 gennaio 2022|

COSA C'È NEL VINO?

... o il mistero della fermentazione

Fonte: Rivista svizzera di frutta e viticoltura (SZOW)

La fermentazione alcolica è nota all'uomo da migliaia di anni. Ma cosa c'è dietro è stato compreso a sufficienza solo negli ultimi due secoli. Andreas Kranz, autore del libro "Craft Wine self-made: The big book of fruit wine production", mostra cosa succede durante la fermentazione e perché ha senso che il lievito si avvelena con l'alcol.

Nella nomenclatura scientifica si chiama lievito di birra, che ci delizia con la fermentazione alcolica e fa in modo che il pane diventi soffice, si chiama Saccharomyces cerevisiae designato. "Saccharomyces" deriva dal greco e significa letteralmente "fungo di zucchero", "cerevisiae" è latino e significa "di birra". Sistematicamente appartiene agli Ascomiceti (funghi sac) e, insieme ai Basidiomiceti (funghi pilastro: funghi e simili), è uno dei funghi superiori. I funghi non sono né animali né piante, eppure condividono le caratteristiche di entrambi. Come le piante, hanno una parete cellulare che differisce significativamente nella sua struttura dalla parete cellulare delle piante. Come gli animali, non possono fotosintetizzare, quindi non sono in grado di utilizzare la luce solare come fonte di energia. Ma le loro cellule hanno tutti i componenti essenziali delle cellule animali e vegetali: un vero e proprio nucleo cellulare e vari organelli. Quindi funghi, cellule vegetali e animali appartengono ai cosiddetti eucarioti, dall'altro ci sono i batteri più semplici, detti anche procarioti. I processi all'interno delle cellule di lievito sono spesso simili a quelli di altre cellule eucariotiche in modo tale che il lievito di birra, che è facile da coltivare, si è affermato come un organismo modello per le cosiddette "cellule superiori". In definitiva, la conoscenza della funzione delle nostre cellule risale alla ricerca sui lieviti.

Continua a leggere

28 gennaio 2022|

L'UE concede agli Stati membri il diritto di utilizzare varietà ibride resistenti nei vini a denominazione

D.
La decisione fa parte di una più ampia revisione dei regolamenti precedenti che stabilivano schemi di qualità comuni, organizzazioni di mercato, definizioni, descrizioni, presentazione ed etichettatura per i prodotti agricoli e alimentari europei.
A seguito di una recente modifica delle norme dell'UE, gli Stati membri possono ora utilizzare varietà resistenti nella produzione di vini a denominazione di origine protetta (DOP).

La decisione, pubblicata la scorsa settimana sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea, fa parte di una più ampia revisione della precedente normativa che prevedeva regimi comuni di qualità, organizzazioni di mercato, definizioni, descrizioni, presentazione ed etichettatura dei prodotti agricoli e alimentari europei.

In precedenza, solo le varietà di uva della specie Vitis vinifera potevano essere utilizzate per i vini DOP prodotti nell'UE, mentre erano escluse le varietà di uva che mostravano tracce genetiche di specie non Vinifera, come le varietà PIWI resistenti ai funghi.
(altro…)

21 gennaio 2022|

Uno sguardo al passato...

100 anni di viticoltura nel sud-ovest

Viti, vino e viticoltori plasmano la cultura e il paesaggio del sud-ovest. La Renania-Palatinato e il Baden-Württemberg sono i paesi d'origine del vino tedesco. Nella coscienza delle persone questo è un fattore significativo. Per la prima volta, un documentario televisivo di 90 minuti riflette questo in modo completo, con immagini e registrazioni d'archivio, alcune delle quali hanno quasi 100 anni. il Documentario SWR mostra anche il duro lavoro manuale dei viticoltori e lo sviluppo della viticoltura fino ai giorni nostri.

https://www.swrfernsehen.de/doku-reportage/100-jahre-weinbau-im-suedwesten-100.html

18 gennaio 2022|
Vai all'inizio