News

News2020-07-06T09: 53: 04 + 02: 00

POTENZIALE DI RISPARMIO - Nuovi vitigni

Rendi il lavoro in vigna più efficiente e sostenibile e aumenta la redditività con nuove varietà resistenti ai funghi

Testo: Prof.Dr. Marc Dreßler (Weincampus / Hochschule Ludwigshafen) e Christine Freund (DLR Rheinpfalz)

L'industria del vino sta affrontando le sfide della crescente pressione competitiva e dell'aumento dei costi. Non è quasi più possibile aumentare i profitti attraverso la gestione dei costi pur continuando i consueti modelli e processi di business, perché c'è un potenziale attraverso una maggiore efficienza e un maggiore spazio
sono in gran parte esaurite. Anche i balzi in avanti verso ulteriori aumenti richiedono investimenti corrispondenti. Al contrario, gli aumenti dei prezzi devono sempre andare di pari passo con il valore aggiunto per il consumatore e la differenziazione e giustificarli. Tutti i fornitori, indipendentemente dal raggruppamento strategico, devono gestire la creazione di valore e i costi in modo professionale. In questo campo d'azione limitato, i cosiddetti nuovi vitigni, allevati durante l'allevamento per la loro resistenza e quindi chiamati anche piwis (vitigni resistenti ai funghi), aprono una prospettiva di aumento della creazione di valore nel costo e mercato del vino competitivo.
Questo articolo fa luce sugli argomenti che possono motivare le considerazioni sui nuovi vitigni.

Fonte: viticoltura tedesca 14-15 / 2020

 

leggi di più (PDF, 1.2 Mb)
19 marzo 2021|

Nepal: viticoltura estrema nei vigneti più ripidi del mondo

Di Wolfgang W. Schäfer, Tropical Viticulture Consultants (TVC)

Quando si pensa al Nepal e alle imponenti montagne innevate dell'Himalaya, i vigneti e le terrazze ben curate dei vigneti difficilmente vengono in mente.
I tre fondatori dell'azienda Mr. Kumar Karki, Mr. Janapal Tharpa e Mr. Dhruba Kumar sono appena riusciti a inserire il Nepal nella lista dei paesi vitivinicoli internazionali con la prima e unica azienda vinicola "Pataleban Vineyard Winery".

Nepal

leggi di più (PDF, 07 MB)
12 marzo 2021|

Come FreiSTil RIFORNISCE South Tyre

Di Valerie Kathawala

 

Pranzegg. Sull'aereoThomas NiedermayrGarlider. Quattro nomi che significheranno più o meno per te a seconda di dove e come bevi vino. Quattro coltivatori biologici e biodianamici su piccola scala da quattro punti cardinali del nord Italia Alto Adige-Südtirol (aka Alto Adige). Quattro individualisti che, dopo anni passati agli angoli di degustazioni e fiere - individuati come "pazzi" per le loro cuvée torbide, le varietà atipiche e gli stili provocatori - hanno deciso che essere outsider insieme sarebbe stato, come minimo, più divertente. Più fuori pista che incazzato, Stile libero ("Stile libero") è nato.

Continua a leggere

5 marzo 2021|

PIWI WEIN - Partenza per new wine times PIWI CH gennaio 2021

Cari lettori
Cari piwiani e intenditori

"Non è la specie più forte che sopravvive, né la più intelligente, è quella che ha maggiori probabilità di adattarsi al cambiamento". Charles Darwin

Sì, l'anno 2020 è davvero difficile. In questi giorni, il positivo e il negativo spesso non sono molto distanti. Il quotidiano è messo in discussione, l'insolito diventa improvvisamente normale. Il 2020 è puro cambiamento!
Riflettere è ancora una volta all'ordine del giorno. Sfortunatamente, questo è legato alla consapevolezza che possiamo cambiare e influenzare positivamente il mondo solo su piccola scala. Ma almeno dovremmo godercela fino in fondo!
È incredibilmente positivo che possiamo rendere la nostra vita degna di essere vissuta in una Svizzera democratica! Un enorme privilegio!
Cambia marcia, dai a te stesso e ai tuoi cari più tempo, crea qualcosa di speciale nella vita di tutti i giorni e concediti consapevolmente qualcosa di buono ogni tanto ...

Così si è detto Marc Almert, Campione del Mondo Sommelier 2019/2020. Dato che il suo posto di lavoro, l'Hotel Baur au Lac di Zurigo, all'inizio di luglio non era esattamente occupato a causa del Covid 19, si è preso una piccola pausa PIWI. Dopo un lungo tour tra i nostri vigneti e la nostra cantina, il focus era sulla degustazione di vari vini PIWI: una vera e propria esperienza wow per Marc! Ma leggi subito le sue note di degustazione!

L'attuazione della prima assemblea generale di PIWI CH il 30 giugno 2020 può davvero essere definita un successo. 60 persone hanno preso parte al tour informativo di ricostruzione. Circa 50 membri e ospiti hanno soggiornato per l'incontro, seguito da una degustazione. Pianificheremo quindi anche il collegamento pratico degli argomenti tecnici di coltivazione PIWI e l'assemblea generale del prossimo anno. Sfortunatamente, la pandemia ha vanificato il resto della pianificazione annuale: non siamo stati in grado di svolgere il viaggio del vino in Polonia o il W&D di Hiltl a Zurigo. Ma, come è noto, il rinvio non viene annullato!

Il cambiamento sociale, il riscaldamento globale, la pandemia e altri cambiamenti continueranno a preoccuparci nel 2021. Flessibilità e spirito di innovazione sono richiesti più che mai, il che non è una novità per noi piwiani!

Buon divertimento a leggere e "stare in salute!"
Roland Lenz / Presidente dell'associazione PIWI CH

continua a leggere (PDF 4Mb)
17 febbraio 2021|

Agricoltura - con la natura!

Un programma molto interessante sulla naturalità in agricoltura - dal tema PIWI del minuto 16 (Valentin Blattner e Roland Lenz)

guardare un film
10 febbraio 2021|

Ciò che vende bene: dal mainstream alla sfida di carattere

Lo sai che? Parli con la bocca sfilacciata e alla fine le persone fanno quello che hanno sempre fatto: cioè comprare quello che sanno. La volontà di provare qualcosa di nuovo, per non parlare di trovarlo buono, è ... diciamo diplomaticamente, una merce rara.

No, ovviamente non ci sono LE persone! Se chiediamo ai ricercatori dei consumatori, otteniamo 1000 condizioni per quando quale gruppo target acquista cosa e perché a quale prezzo. La linea di fondo, tuttavia, è: presumibilmente "nuovo" è ed è sempre stato lì, ma deve essere sempre almeno l'80% uguale e quindi noto per essere accettato.

Quindi il tuo vino potrebbe differire da ciò che i tuoi clienti sanno di te di non più del 20 percento di anno in anno? Sì, questa deviazione può essere quantificata e misurata con precisione. I food designer e i product designer prestano un'attenzione meticolosa al fatto che i clienti non notano una deviazione inferiore al 20%; soprattutto no se può essere fatto lentamente. Ma se la deviazione è superiore al 20 percento, diventa evidente. E subito il prodotto viene visto con scetticismo e non viene più acquistato.

(altro…)

26.Gennaio 2021|

Approvazione del nuovo vitigno multiplo resistente ai funghi Felicia

Felicia JKI nuova razza 200 × 300
Comunicato stampa dell'Istituto Julius Kühn (JKI), Istituto federale di ricerca per le piante coltivate n. 1/2021

La nuova razza dell'Istituto Julius Kühn (JKI) è resistente all'oidio, alla peronospora e al marciume nero.

(Siebeldingen) Tutti i consumatori di vino in Germania conoscono vini ottenuti da vitigni classici come il Riesling e il Pinot Nero. I vini di nuove varietà in grado di difendersi da agenti patogeni nocivi, come il Piwis resistente ai funghi, però, sono ancora in attesa di essere scoperti. La varietà Felicia, la fortunata, si unisce a questo segmento in crescita dell'avanguardia PiWi in Germania. I vini di questo vitigno a bacca bianca sono disponibili da diversi anni presso l'Istituto Julius Kühn nell'enoteca dell'Istituto per l'allevamento della vite al Geilweilerhof. La varietà è stata protetta per varietà vegetale dal 2004. Alla fine del 2020 ha ricevuto la sua approvazione dal Bundessortenamt. Ciò significa che è approvato per la produzione di vino di qualità nella maggior parte delle regioni vinicole e la coltivazione sperimentale non è più necessaria. Anche con la nuova legge sul vino, le porte sono aperte per uno sviluppo prospero. Dopo Calardis Blanc nella primavera del 2020, Felicia è la seconda varietà resistente ai funghi, cosiddetta PiWi della JKI, che è stata approvata nel 2020.

(altro…)

21 gennaio 2021|

Il mercato è pronto?

NUOVE VARIETÀ DI UVA
La commercializzazione del vino PIWI è caratterizzata da diverse sfide.

Testo: Christoph Kiefer, M.Sc. e il Prof.Dr. Gergely Szolnoki, Hochschule Geisenheim University

I vitigni resistenti ai funghi (PIWI) sono il prossimo passo logico verso la coltivazione sostenibile all'interno della viticoltura biologica. Sebbene i vitigni PIWI ottengano vantaggi economici ed ecologici per i viticoltori, meno del tre percento dei vigneti tedeschi sono piantati con loro. Altri paesi vitivinicoli come la Francia e l'Italia stanno registrando maggiori successi di allevamento, ma anche la percentuale di PIWI in questi paesi è a un livello basso. Ciò deriva principalmente dalla mancanza di accettazione del mercato da parte del consumatore. L'accettazione da parte dei clienti di questi vitigni innovativi rimane bassa nonostante la crescente domanda di cibo sostenibile.

All'interno del VitiFIT, il team di Geisenheim esamina l'intera catena del valore dei vini PIWI al fine di comprendere meglio gli atteggiamenti e le esigenze di produttori, operatori di marketing e consumatori. Sulla base di ciò, una strategia di comunicazione deve essere sviluppata alla fine del progetto al fine di stabilire PIWI sul mercato a lungo termine.

Questo articolo analizza l'attuale accettazione del mercato.

Fonte: Deutscher Weinbau 25-26 / 2020

continua a leggere (PDF, 1MB)
20 gennaio 2021|

Cocktail di pesticidi nel vino svizzero

La metà dei 15 vini svizzeri nel test "Kassensturz" contiene cinque o più pesticidi.
Autore: Adrian Zehnder

Il campione comprende vini svizzeri apprezzati dal commercio al dettaglio: cinque bianchi, un rosato e, soprattutto, vini rossi delle maggiori aree di coltivazione svizzere, realizzati con i tipici vitigni Pinot Nero (Blauburgunder) o Merlot. Chasselas domina il vino bianco. Queste varietà sono considerate ad alta intensità di pesticidi. I vini costano tra 7,50 e 22 franchi.

Fonte: Kassensturz

continua a leggere / guarda film
17 gennaio 2021|

PIWIS nell'anno della vegetazione 2020 di Wolfgang Renner - Austria

Nella campagna viticola 2020, una vite su sette innesti prodotta in Stiria era resistente ai funghi
Varietà di uva. Ma come arrivano queste varietà innovative con l'annuale
far fronte a condizioni meteorologiche più fluttuanti? Esperienze attuali dal
La coltivazione sperimentale è mostrata qui in una forma compressa.
Allo stesso modo, le valutazioni dell'infestazione da funghi per vitigno l'8 luglio e il 3 settembre

leggi di più (PDF, 7 MB)
13 gennaio 2021|

Il paese ha bisogno di nuovi vigneti - PIWI Deutschland e. V. fondata

Il paese ha bisogno di nuovi vigneti - PIWI Deutschland e. V. fondata

Quest'autunno, molto è diventato più tranquillo tra i produttori di vino tedeschi: meno taverne di ginestre, meno feste dei vigneti e solo piccole degustazioni di vino. Ma soffermarsi e concentrarsi sull'essenziale ha avuto anche i suoi lati positivi: dopo la vendemmia, i tempi erano maturi, maturi per fare un passo verso una maggiore presenza dei nuovi vitigni resistenti ai funghi (= PIWIS). Perché questa pandemia ha portato la sostenibilità e la regionalità più sotto gli occhi del pubblico. Il tema è presente da tempo in agricoltura e sugli scaffali dei negozi - in viticoltura il tema della sostenibilità è ancora nell'ombra, troppo pochi consumatori conoscono i nuovi vitigni PIWI, che con un massimo di 80 % in meno di protezione delle colture, sia biologico che convenzionale, andare d'accordo.

(altro…)

7 gennaio 2021|

Quello che ho sempre voluto dire ...

Onestamente, qual è il problema con i PIWI?
Perché la maggior parte dei produttori di vino fatica a coltivare queste nuove viti?
Ci sono molte ragioni per questo, nessuna contro di essa!

Gli intenditori e coloro che si definiscono che non vedono differenze nei campioni ciechi. Quindi la tipicità varietale che comunque non esiste (Riesling è Riesling = nonsense - lo slogan pubblicitario del Palatinato) è ancora meno comune con le nuove varietà! L'aroma è chiaramente e significativamente influenzato dall'umidità, dalla radiazione solare e dalla temperatura (Hoppmann) e solo circa 20% dalla varietà stessa, per non parlare dei vitigni diversamente innestati. Sì, questo è ciò che costituisce la tecnologia dei sensori!

(altro…)

20 dicembre 2020|
Vai all'inizio